HOME

ARTICOLI

LIBRERIA

FORUM

CONTATTI

NOTE

1924, il Duce deve morire



di Roberto Festorazzi


Gli attori delle diverse congiure contro il Duce riflettevano la frantumazione del fronte antifascista e ne rivelarono tutta l’impotenza. Ma se poterono agire e preoccupare Mussolini, al punto da "costringerlo" ad armarsi fino ai denti per difendersi, ciò fu grazie al contributo di potenze straniere. La massoneria internazionale e ampi settori rappresentativi delle èlite governative europee, come quelle di Francia e Inghilterra, fornirono non solo copertura, ma anche indirizzi decisivi ai complotti antifascisti. La "longa manus" di entità e interessi extranazionali, poté assegnare a tali iniziative quel valore aggiunto che esse non potevano ricevere da sole forze interne. I complotti, dunque, furono "interni-esterni" e non soltanto riconducibili a una matrice nazionale.

Ecco perché, Mussolini costruì un potente apparato di repressione politica, l’Ovra, che agiva sul duplice fronte interno e internazionale, con interessanti e ancora poco esplorati intrecci tra gli elementi fiduciari italiani e quelli esteri, tra la rete interna e quella che operava fuori dei confini nazionali. Tra i documenti che aveva selezionato prima della sua partenza per l’ultimo viaggio, e che gli furono sequestrati a Dongo, Mussolini aveva incluso un fascicolo che faceva parte della sezione "Complotti" dell’archivio della Segreteria particolare del Duce.

È assai significativo che il capo del fascismo desiderasse dimostrare proprio questo: e cioè che l’instaurazione della dittatura fu il risultato di uno stato di necessità imposto dagli eventi.

Nella nutrita scelta di dossier di Stato, Mussolini, ormai braccato, incluse documentazione sulla fallita congiura degli "Amici del Popolo", un’organizzazione segreta che tramò nell’ombra, proprio durante il fatale 1924, per ucciderlo con un veleno. L’episodio non è mai stato oggetto di approfondimento come avrebbe invece meritato ed è rimasto avvolto in un cono d’ombra: uno dei tanti "buchi neri" della storiografia contemporanea. Qualora si fosse indagato con maggiore cura, si sarebbe per esempio potuto scoprire che si trattava del piano di un vero e proprio "colpo di Stato": un complotto a regia massonica, ma con innervazione di forze anarco-comuniste (provenienti in larga parte dagli ex "Arditi del Popolo") alle quali erano affidati la conquista dei centri del potere tecnologico e il totale controllo della città di Roma.

Il complotto degli "Amici del Popolo" rappresentò forse il più pericoloso tentativo di scalzare Mussolini dal potere, in quanto entrò nella fase operativa nel periodo immediatamente successivo all’omicidio Matteotti, durante il quale una destabilizzazione del governo fascista fu realmente possibile. Il "golpe" massonico-comunista era infatti volto non soltanto a eliminare fisicamente Mussolini, ma anche a infliggere un completo scacco al regime, compiendo un "colpo di Stato" uguale e contrario a quello della Marcia su Roma dell’ottobre 1922.

Proprio dalla Capitale, sarebbe dovuta partire quell’ondata di "defascistizzazione" di cui l’assassinio del capo avrebbe dovuto significare il punto di avvio. I finanziatori di un tale progetto si trovavano tutti all’estero. In Francia e Gran Bretagna, molta parte della classe di governo, nel 1924, era interessata a contrastare il fascismo che stava diventando internazionalmente troppo forte e cominciava a essere percepito come una minaccia agli assetti consolidati e agli equilibri determinati dall’egemonia franco-britannica nel mondo. La massoneria internazionale e le èlite governative straniere avevano perciò operato per fornire al "fronte antifascista" quella unitarietà poi espressa, sul suolo francese, dalla "Concentrazione antifascista".
Da soli, gli oppositori interni di Mussolini non avrebbero mai potuto avere la forza nemmeno di tramare nell’ombra contro il nascente regime. Con l’aiuto straniero, invece, essi poterono agire, in modo eterodiretto, quasi sempre ispirati da moventi di tipo non esclusivamente ideale e accompagnati da propositi non esattamente in linea con la limpida e trasparente promozione di un interesse nazionale.

Alla luce di tutto ciò, appare evidente che la cosiddetta vocazione autoritaria del fascismo non deve essere fatta discendere da principi generali e astratti, che si suppongono essere patrimonio del movimento, ma va interpretata piuttosto come il risultato di un’esperienza storica concreta. Fu lo scontro tra soggettività contrapposte a generare il regime, al di là di qualunque lettura tesa a "oggettivare" il movimento mussoliniano come portatore di una pura carica "antisistema".

L’esame approfondito degli accadimenti successivi all’esito elettorale del 6 aprile 1924 contribuisce a mettere in discussione lo schema interpretativo classico tendente a descrivere e qualificare l’esperienza storica del fascismo in senso univoco come il procedere inesorabile di una forza distruttiva della libertà. Questa teoria ha il torto di astrarre dalla realtà il nucleo delle sue ineliminabili contraddizioni.

***