HOME

Articoli

Libreria

Forum

Contatti

Note

Gli estremi confluenti nel centro

di Samantha


Come molte persone del mondo ascolto le notizie che ci vengono "rivelate".

Guardo internet, leggo...e consapevole della limitatezza di tutto ciò, provo a sviluppare un mio pensiero...ed assieme ai pensieri si sviluppano sensazioni, emozioni....

Vivo i tempi di oggi...e per l'oggi scrivo.

Quando ascolto telegiornali, quando osservo il mondo, quando cerco di unire quei piccoli e grandi pezzi del puzzle che sembrano contrastanti a livello umano mondiale, umano politico, umano privato....ritorno sempre ad un punto, quel punto é che gli estremi servono e vengono mantenuti per incanalare una maggioranza in un "quasi centro"...e il "quasi centro" ha lo stesso obbiettivo...la stessa freccia di direzione.

Vedo che i vecchi detti dei saggi del popolo di un tempo...restano sempre validi nonostante l'apparente evoluzione dell' uomo sotto vari aspetti.

Una volta, tra i tanti detti, c'era "un colpo alla botte, un colpo al cerchio"...così semplicemente io riassumo le politiche "centrali" di oggi, dove una destra e una sinistra sono apparenti divisioni date al popolo per uno scopo, in fondo, comune.

Si può notare sui discorsi di "azioni di pace" che diventano azioni di guerra o pace in base di chi é al potere in quel momento e magicamente, in breve tempo,... ciò che era prima ed aveva un termine...ora non lo é più... basta cambiare le parole e i concetti.

Prima, con Berlusconi, le azioni militari si dicevano "guerre" nell'"opposizione" a sinistra e adesso, come d'incanto sono azioni di pace... come d'incanto prima la situazione era meno grave ed ora si.

E' interessante che ora non solo abbiamo mantenuto tali "operazioni di pace" come prima...ma ne abbiamo aggiunte delle altre...si sà...la globalizzazione é mondiale e non si possono fare ingiustizie...un paese si e un altro no...se no dov'é la coerenza?

Altra cosa da me notata é anche la scomparsa dell'arcobaleno nelle strade, nelle piazze...e chissà... forse anche nei cuori?

Altra cosa interessante é come Prodi sostenne, quando era nel consiglio dell'UE , un progetto oggi approvato, di liberalizzazione del mercato...una legge che a quanto sembra sarà contro i lavoratori per un termine inserito "provenienza del paese d'origine" per le industrie, commerci,...dove sembra, appunto, che queste dovranno rispettare le leggi del paese d'origine.

Per me, come ignorante, sarebbe arduo andare nello specifico di questa legge... ma cosa mi interessa notare é che fu sottoscritta anche da Prodi.

Altra cosa veramente incredibile é come molte destre e sinistre riescono a convergere in un pensiero unico "pro musulmani" chi seguendo un ragionamento, chi un altro...e qui possiamo inserirci anche gli "estremisti" apparentemente fuori dal centro.

Così nelle mie semplici perplessità ho cercato di darmi una risposta il più reale e logica possibile...non che la mia sia una verità, ma semplice constatazione di una voce come tante che rimarrà nascosta all'apparenza di questo mondo.

La mia conclusione é appunto che la "sinistra" e la "destra" non esistono più nella differenza dei loro obbiettivi, ma esistono nella separazione del popolo...dividi et impera...quindi seguendo questo ragionamento ho pensato...e gli estremi...o "estremisti"di destra e sinistra?... anche loro sono super necessari per l'obbiettivo "centrale" perché se noi osserviamo una maggioranza di popolo...le persone tendono ad essere moderate...cioè tendono a non volere estremismi...vogliono la "pace", la "tranquillità" e sopratutto sentirsi integrati come pensiero nella "maggioranza".

Però...c'é sempre un però... gli estremi servono a disilludere tentativi di spostarsi da una "centralità"... così che le masse pur di non essere additate come estremisti...confluiscono quasi "obbligatoriamente" nel centro.

Ecco cosa servono gli estremisti...a confluire una massa al centro...come la recinzione di un terreno...i pali e le staccionate estremi di una terra centrista.

Così si può spiegare anche le tante "fughe" di informazione ai giorni nostri...per alimentare i caratteri più idealistici e "calienti" che così, col loro "esempio", contribuiscono alla causa finale di mandare le masse nella centralità.

Mi ricordo tempo fa con mia madre che vive a Parigi...si parlava di politica...ad un certo punto lei mi disse che quando ci furono le elezioni c'era praticamente solo una scelta: il presidente attuale.

Il singolo, per protesta, voto il signore di estrema destra... ma quando ci fu la conta ed i voti erano moltissimi per la destra... alla seguente elezione si affrettarono tutti a votare il presidente attuale.

Così servono eccome gli estremisti, anche che inconsapevoli come la maggioranza, d'altronde...a far si che il centro continui nel progetto di "un colpo alla botte, un colpo al cerchio"...ma il contenitore é sempre quello.

Come dire... l'ago della bilancia per essere al centro... deve avere i due estremi.

Samantha

 

 


Fonte: www.nwo.it/estremi_confluenti.html